Twitter e la cacca del cane

Come con i neonati, anche con il cane lo stato di salute si misura con segnali necessariamente non verbali: primo fra tutti l’aspetto delle feci. E così da quando abbiamo un cane, la cacca è tornata ad essere argomento frequente di conversazione.

Fiona

Siccome sono io quello che si sveglia all’alba  per far fare a Fiona il primo giretto, mi tocca il compito di riferire del portentoso evento alla mia dolce metà. Le prime volte descrivevo i dettagli con una minuzia e precisione che qui ti risparmio, poi mano a mano abbiamo sviluppato delle scorciatoie di lessico familiare, come avviene in una coppia ben affiatata:

  • “è trending topic”
    desta preoccupazione, per aspetto e consistenza, e necessita di approfondimento medico;
  • “l’ho twittata”
    è regolare, come deve essere;
  • “già dieci like”
    regolare ma particolarmente abbondante;

La morale di questa storia è che le nuove tecnologie influiscono direttamente sulla nostra vita quotidiana, in modi inaspettati.

Una risposta a “Twitter e la cacca del cane”

I commenti sono chiusi